Mese: luglio 2014

La Solidarietà non conosce ferie

Postato il Aggiornato il

iStock_000003325632Medium-1024x888Il signor Giuseppe è un onesto e volenteroso lavoratore di 45 anni,uno di quelli che investito dalla crisi non ha mollato il colpo, non si è abbattuto ne è andato in depressione.

Potrebbe essere uno qualsiasi della vostra famiglia, un padre o uno zio, un fratello o il vicino di casa.

Il signor Giuseppe nella vita da quando ha 14 anni fa il muratore, è diventato Muratore Specializzato come ama definirsi orgogliosamente e ha fatto esperienza nei cantieri, per poi scegliere la strada dell’artigiano.

Quando si è presentato al nostro Sportello di Segretariato Sociale l’ha fatto per chiedere una mano a sponsorizzare la sua attività, si era già fatto i suoi biglietti da visita e aveva trovato diversi lavori estivi di ristrutturazione appartamenti nel nostro quartiere.

Fu per noi un piacere vedere un uomo adulto, con 3 figli e una moglie che a settembre finisce il contratto nella coop. di pulizie dove lavora, non abbattersi e non lasciarsi andare e avere ancora voglia di tirare avanti, lavoretto su lavoretto, nella speranza che la sua richiesta di prestito al Microcredito del Welfare Ambrosiano vada a buon fine, così da avere una piccola somma per comprare il furgoncino e permettersi di prendere lavori anche fuori dalla città.

Davanti a noi operatori di Agorà, quel umile lavoratore immigrato che non tornava nella sua Palermo da 7 anni, pareva una figura del Presepe vivente, non più Giuseppe il falegname ma  Giuseppe il muratore.

Poi, quasi a voler svegliare tutti da un bel sogno, lunedì mattina apriamo Agorà e viene a trovarci il sig. Giuseppe, non più con la faccia di chi crede di potercela ancora fare e di costruire un alternativa ma con quella di chi ha perso tutto.

Nella notte tra venerdì e sabato qualcuno ha rubato nel magazzino del sig. Giuseppe in via Pascarella 33, portandoli via tutti gli attrezzi da lavoro.

Hanno rubato nello stesso cortile dove giusto 2 settimane prima avevano rubato nella sede di Ambiente Acqua Onlus, hanno rubato nella stessa notte in cui hanno rubato alla Quarto Oggiaro Vivibile. Non hanno rubato solo materiale per lavorare, creare, vivere ma al sig. Giuseppe hanno rubato la speranza.

La sensazione che travolge la nostra Comunità, più volte colpita di recente da furti in sedi associative, in negozi e in abitazioni private come mai prima d’ora, ci ha scosso profondamente ma niente a che vedere con la scossa che ha colpito il sig. Giuseppe, rimasto senza nemmeno un trapano o una taglia piastrelle, proprio ad una settimana dell’inizio di un lungo lavoro di ristrutturazione di un appartamento a Quarto Oggiaro.

Per noi Operatori di Spazio Agorà, che guardiamo in faccia i risultati della crisi, vedere sprofondare un uomo dignitoso, ma umile, come il sig. Giuseppe è stato veramente brutto come inizio di quest’ultima settimana di Luglio, così abbiamo pensato che nonostante il periodo la solidarietà non conosce ferie, ma anzi, va attività subito la pratica del mutuo-soccorso facendo appello a tutte le nostre forze e di conoscenze in rete.

Questo è l’elenco dell’attrezzatura sottratta durante il furto, gli attrezzi del mestiere che il sig. Giuseppe ha perduto insieme alle speranze, noi qui riportiamo una lista facendo appello alla Solidarietà di tutti, nella speranza che nelle vostre cantine o case abbiate strumenti analoghi, che non utilizzate, magari che ingombrano e che potreste mettere a disposizione, donando o prestando al sig. Giuseppe per farlo ripartire e tornare ad assaporare quella dignità dei lavoratori artigiani, quelli che non si vergognano di venire in colloquio sporchi di cemento o di vernice.

 

 

  • trapano
  • frullatore per impasto
  • flessibile piccolo con lama diamantata
  • flessibile grande con lama diamantata
  • martelletto piccolo
  • taglia piastrelle grande e piccola
  • piccoli attrezzi vari da muratore

 

 

 

Questi sono gli attrezzi, per qualsiasi info o comunicazione potete rivolgervi direttamente allo

sportello di Segretariato Sociale di Spazio Agorà, telefonando al n° 02 3550713 o scrivendo una mail a progettocapuana@gmail.com . Data la situazione grave in cui verte la famiglia del sig. Giuseppe sono ben accette donazioni di qualsiasi tipo, per sostenere una famiglia della nostra Comunità in difficoltà.

 

 

Gli operatori e le operatrici di Spazio Agorà

I ragazzi di Fuoriclasse alla ricerca di nuovi stili di vita

Postato il Aggiornato il

Venerdì 20 giugno il gruppo di bambini e ragazzi di Fuoriclasse ha partecipato a una caccia al tesoro nel parco di villa Scheibler, alla ricerca di uno stile di vita più sostenibile. Tre sono state le tappe fondamentali: la raccolta differenziata, lo spreco alimentare e l’impronta ecologica. Nella prima sfida i ragazzi hanno collaborato per suddividere nei giusti contenitori i rifiuti di plastica, carta, vetro e metallo che erano stati mescolati in un grosso sacco;  poi, in una gara tutti-contro-tutti si sono riempiti i piatti di cibo per poi capire che è meglio scegliere bene quello che si vuole mangiare per evitare inutili sprechi. Nella terza e ultima tappa si è ragionato sulle azioni quotidiane, dallo spegnere le luci prima di uscire all’andare a scuola in bicicletta, per scoprire quanto le nostre vite incidono sulla natura e sulla vita del Pianeta.

Infine, i ragazzi hanno visitato il giardino vicino allo spazio Baluardo in compagnia di Anna, la responsabile che ogni giorno si prende cura di fiori e piante. A tutti sono stati regalati alcuni semi: un piccolo segno di cui prendersi cura per fare bene alla nostra Terra.

5a