Uncategorized

La Redazione incontra il Punto Luce

Postato il

12373290_1692382104317813_1252362016729407724_n

Venerdì 20 novembre 2015 la Redazione dell’Istituto CAPAC Greppi ha partecipato all’inaugurazione del Punto Luce di Piazzetta Capuana a Quarto Oggiaro.
E’ stato un pomeriggio pieno di attività: abbiamo giocato con bambini e ragazzi del quartiere, visto un video sulle attività sociali ed educative che si svolgono a Quarto Oggiaro, cercato di capire qualcosa di più sul progetto facendo qualche intervista.
Che cos’è il Punto Luce?
Il Punto Luce è un centro educativo e di aggregazione che propone attività per tutte le età. La mattina le mamme possono partecipare ai corsi di: italiano, cucina e cucito.
Nel pomeriggio lo spazio è aperto ai giovani dai 6 ai 16 anni per: supporto scolastico, corsi video, rap, cucina e falegnameria. In breve: al Punto Luce ognuno può scoprire o sviluppare le sue abilità!
L’obiettivo principale del Punto Luce, progetto promosso a livello nazionale da Save the Children e realizzato a Milano in collaborazione con le ACLI cittadine e regionali, è infatti il contrasto alla povertà educativa.

10334334_1692382197651137_5332350549308135606_n.jpg

All’inaugurazione erano presenti Valerio Neri di Save The Children, la coordinatrice del centro, ed ex insegnante del CAPAC, Enrica Bonino, l’educatore Aaron Paradiso, Gianluca Alfano, coordinatore di Spazio Agorà, l’Assessore del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino che ha parlato di come il Punto Luce influirà positivamente sul territorio di Quarto Oggiaro.
Il pomeriggio si è concluso con un aperitivo alla cui organizzazione abbiamo partecipato anche noi della Redazione di Semi di comunità e con uno spettacolo musicale con i ragazzi del corso di rap. Un ringraziamento speciale è stato dedicato alla Redazione e noi, a nostra volta, ringraziamo tutti coloro che rispondendo alle nostre domande hanno reso possibile scrivere questo articolo. Grazie!

La Redazione.

12376468_1692382230984467_1232376963677136145_n

 

 

Bosco coltivato, Bosco incantato!

Postato il Aggiornato il

Anche allo spazio Orso Bruno sono ritornati i laboratori di sostenibilità. Con l’arrivo di un cassone pieno di terra da coltivare, tutti i giovedì pomeriggio lo spazio si è trasformato in un fantastico bosco magico in cui i bambini possono scoprire, conoscere e sperimentare le pratiche della coltivazione. Il percorso porterà alla scoperta degli elementi della natura, veri protagonisti nella filiera della produzione del cibo.

I bambini, insieme a mamme e nonne, hanno iniziato a vedere da dove nasce il cibo giocando con la terra e i semi e hanno trapiantato alcune piantine nel loro cassone. E alla fine del percorso, come per magia, trasformeremo i prodotti da noi coltivati e prepareremo dei bellissimi regali di Natale!

10

Postato il Aggiornato il

 

Acli Terra Milano, Ipsia e Rosso Cinque vi invitano alla presentazione del libro

Bioresistenze

Cittadini per il territorio: l’agricoltura responsabile

L’incontro si terrà lunedì 12 maggio alle 18.30 presso il Circolo Acli di Lambrate, in via Conte Rosso, 5.

Interverranno l’autore Guido Turus, Luca Martinelli di Altreconomia e Marco Tacconi di TerreXChange. L’incontro si concluderà con un buonissimo aperitivo a buffet preparato dalla Bottega di Lambrate e dai giovani di Rosso Cinque.

Vi aspettiamo!

volantino bioresistenze

Nasce la pagina Facebook

Postato il Aggiornato il

Da oggi sarà possibile seguire Semi di Comunità anche grazie al canale Facebook.

Clicca su: Semi di Comunità

facebook_logo

La First Lady nell’orto con gli studenti

Postato il

Michelle Obama e gli studenti. La first lady americana ancora una volta accanto ai più giovani per promuovere uno stile di vità più sano e un maggior consumo di frutta e verdura. Insieme con 30 giovanissimi la prima donna d’America ha piantato della verdura nell’orto della Casa Bianca. Una “tradizione” che si ripete ogni anno dal 2009.

Guarda il video: La First Lady nell’orto con gli studenti

Fonte:  www.corriere.it

Michelle-Obama-Green-Giant-by-Patrick-McQuade-2012-1

Un percorso di formazione da VERI FUORICLASSE!

Postato il Aggiornato il

Inizierà il 4 aprile, attraverso un’esplorazione itinerante per Quarto Oggiaro, il percorso di formazione rivolto ai volontari del Centro Educativo Fuoriclasse, che vedrà coinvolti anche docenti, operatori sociali e volontari che a vario titolo operano all’interno del quartiere.

Un’occasione per approfondire il tema della promozione, protezione e sicurezza dei minori nei percorsi di accompagnamento allo studio.

Il calendario degli incontri previsti è disponibile anche all’indirizzo www.aclilombardia.it

Per saperne di più sulla proposta di volontariato scrivi a: volontari.agora@gmail.com 

Per conoscere il progetto Fuoriclasse:  www.savethechildren.it

formazione volontari

Primavera in festa con gli ORTI !!!

Postato il Aggiornato il

Vi aspettiamo Domenica 6 Aprile dalle 14:30 alle 18:30 presso il cortile di Via Cesare Pascarella 29. Festeggeremo tutti insieme l’arrivo della primavera e l’inizio dei lavori negli orti condivisi.

Vieni a coltivare con noi, ci saranno tanti giochi, musica e merenda per tutti!!!

6 aprile A4

Primavera in Festa con gli Orti !!!

Postato il Aggiornato il

Vi aspettiamo domenica 23 marzo dalle 14:30 alle 18:30 presso il cortile di Via Cesare Pascarella 29. Festeggeremo tutti insieme l’arrivo della primavera e l’inizio dei lavori negli orti condivisi.

Vieni a coltivare con noi, ci saranno tanti giochi, musica e merenda per tutti!!!

1098250_10152341277049739_1592637396_n

Studiare da cuoco. Il gusto del riscatto

Postato il Aggiornato il

ca-1000186-koch_thumb_1024x99999 Sulla carta è un istituto professionale a Milano; nella realtà, il “Greppi” a Quarto Oggiaro non si occupa solo di avviamento al lavoro, ma rappresenta un vero e proprio presidio sociale, in un quartiere popolare difficile che pure “non è il Bronx”, ci tiene a precisare subito Mario Ughetto, preside della scuola professionale che forma cuochi e meccanici. Questo di giorno, mentre in tutte le altre ore della giornata si apre al quartiere. Come? Ospitando una palestra popolare aperta tutte le sere ai ragazzi del quartiere che vogliono misurarsi con lo scherma e il Kung Fu; ma anche offrendo una volta alla settimana lezioni di musica e una sala prove per chi suona in una band. E ancora dopo le 18, spazio alla formazione professionale con corsi dedicati a chi è disoccupato. Ecco perché il “Greppi” – che secondo alcuni dati interni offre opportunità di lavoro al 40% dei suoi studenti, a tre anni dal diploma – svolge un ruolo formativo e insieme sociale. «Se ai nostri ragazzi non riusciamo a offrire una possibilità di riscatto, li ritroviamo in mezzo alla strada con “lavori” – aggiunge Ughetto – che, come dicono loro, fruttano di più». La qualità della formazione – da qui passano meccanici, cuochi, camerieri ed elettricisti – è certamente il punto di partenza ma non va trascurato quanto sia alta la sfida educativa quotidiana per gli insegnanti che fanno lezione non solo di italiano e matematica, ma che tentano di accompagnare questi ragazzi anche fuori dalle aule. «Tantissimi giovani si portano dietro altri fallimenti scolastici, vivono in famiglie disagiate – spiega il dirigente scolastico – e nel 70 per cento dei casi hanno anche difficoltà con la lingua italiana». Che non è la loro lingua madre, perché vengono catapultati in questa periferia milanese dall’Asia, dall’Africa e dall’America Latina. «Sono ragazzi che hanno un grandissimo potenziale, e non solo perché sono bilingue o trilingue, ma perché, ma perché hanno un’immensa voglia di riscatto e una volontà nel lavoro che non ha pari». E anche nel caso in cui «siamo costretti a far uscire da scuola uno dei nostri ragazzi perché non ce la fa ad arrivare alla qualifica, continuiamo a seguirlo, magari proponendogli uno stage» o anche un’attività all’interno delle tante cooperative di Quarto Oggiaro. Dalle parrocchie alle associazioni, dai progetti con il consorzio Farsi Prossimo che ha avviato l’educativa di strada nel quartiere alla sala prove gestita da Poliedro e nella quale un gruppo degli studenti del “Greppi” sta frequentando la scuola di musica con il maestro, fino allo spazio Baluardo che gestisce la palestra serale a prezzi popolari, organizzando corsi per i ragazzi della scuola e del quartiere. «In questo senso anche l’allenatore diventa un altro “ponte” per comunicare con i ragazzi e per far emergere, lontano dai banchi, le loro potenzialità inespresse». (Fonte: www.avvenire.it)