filiera corta

Sostenibilità e autoproduzione al Greppi

Postato il Aggiornato il

Mercoledì 2 aprile sono iniziati i laboratori che coinvolgono una cinquantina di ragazzi appartenenti a due classi di ristorazione dell’Istituto Greppi – CAPAC, a Quarto Oggiaro. Insieme vogliamo riflettere sulla sostenibilità e sulle parole chiave che le ruotano attorno: filiera, autoproduzione, stagionalità.

Che cosa significa sostenibilità? Da questa parola è partito un percorso che invita i ragazzi a prendere consapevolezza dell’importante ruolo che ciascuno di noi svolge nel mondo come consumatore. Infatti, le scelte che facciamo al supermercato non incidono solo sul nostro portafogli, ma soprattutto sulla nostra salute e, in un’ottica più globale, sul nostro pianeta, che dobbiamo impegnarci a rispettare e proteggere.
Attraverso alcuni giochi di ruolo sono emersi i criteri che comunemente ci guidano nella scelta dei prodotti alimentari che compriamo e quelli di cui, invece, non siamo abituati a tenere conto. Così sono stati evidenziati i valori della stagionalità, della filiera corta e della giustizia sociale nei confronti dei produttori. Insieme abbiamo anche riscoperto l’utilità e la bellezza dell’autoproduzione realizzando in classe il sale aromatizzato e il burro, che gli studenti potranno usare durante le lezioni di cucina.

Resta soltanto un incontro ancora da svolgere, nel quale i ragazzi visiteranno gli orti collettivi dei condomini di via Pascarella e conosceranno le persone che hanno deciso di “sporcarsi le mani” insieme per coltivare prodotti sani e a km zero!

IMG-20140415-WA0001

IMG-20140415-WA0000